Qualunque appassionato di letteratura che si trovi nei paraggi di Londra durante le feste di Natale, non può stare lontano dal 48 di Doughty Street, la celebre dimora dell’uomo che “inventò il Natale”, Charles Dickens.
È stata una tappa letteraria del nostro ultimo viaggio a Londra, ma forse vi chiederete perché ne parliamo qui e cosa abbia a che fare con le Brontë. Dickens visse e scrisse nello stesso periodo delle tre sorelle e la sua influenza sulla letteratura del tempo fu talmente forte da aver lasciato un segno indelebile nella cultura inglese contemporanea, è impossibile dunque pensare che le tre scrittrici non avessero un’opinione su di lui.
In particolar modo ci siamo domandate se Charlotte, l’unica ad aver frequentato (seppur sporadicamente e per brevissimo tempo) gli ambiti circoli letterari londinesi, lo avesse mai incontrato.
A seguito di qualche ricerca abbiamo scoperto che la risposta era sì. Da quanto affermò in tarda età l’editore di Charlotte, George Smith, pare sia stato lui stesso a presentarli. Eppure non c’è traccia dell’incontro in nessuna lettera di Charlotte, né in quelle di Dickens. Curioso vero?

La ragione potrebbe trovarsi nelle parole di John Stores Smith, un giovane scrittore di Halifax che ebbe l’opportunità di conoscere Charlotte, la quale sembra avergli confessato di avere effettivamente incontrato Dickens, ma di non aver affatto apprezzato la sua “vistosa stravaganza”.
Nonostante fossero entrambi importanti scrittori che raccontavano dei ceti sociali più bassi, sembra che Charlotte Brontë e Charles Dickens si siano conosciuti senza piacersi, o forse c’era dell’altro, e magari non ebbero abbastanza tempo per andare oltre le apparenze di due vite tanto differenti. Noi possiamo solo tirare a indovinare, quel che è certo però è che sarebbe stato straordinario trovarsi lì nel momento in cui si strinsero la mano.
Selene
Se questo articolo sulla vita di Charlotte vi ha incuriosito, consigliamo di leggere anche: Sulle tracce di Charlotte… con sorpresa! – Articolo di Maddalena De LeoDall’Album di Famiglia: il Matrimonio di Charlotte ed Arthur.