Nella stanza delle letture: Patrick Branwell Brontë- recensione

Pin it

In questa prima metà del 2017 in cui ricorre il suo bicentenario, i lettori italiani non hanno avuto molte occasioni per poter approfondire la figura di Branwell Brontë. Eppure, a 200 anni dalla sua nascita, l’alone di mistero intorno a questo fratello “maledetto” delle più note sorelle Brontë è ancora molto denso e fitto, e …

Nella stanza delle letture: Natura e Religione, di Simona Scarfogliero

Pin it

Natura e Religione è un saggio scritto da Simona Scarfogliero, una giovane ed intraprendente autrice di Napoli che ha pubblicato la sua interessante tesi di laurea per renderla fruibile da tutti gli appassionati brontëani. Il testo è suddiviso in tre capitoli che accompagnano il lettore dal generico allo specifico. Nel primo capitolo la Scarfogliero fornisce …

Ma la vita è una battaglia- lettere di libertà e determinazione: recensione

Pin it

Ma la vita è una battaglia- lettere di libertà e determinazione, curato e tradotto da Laura Ganzetti (Il tè tostato) e pubblicato dalla casa editrice L’Orma, si presenta avvolto nella classica busta da lettere che contraddistingue la collana “I Pacchetti”, ed è un libricino minuto ed elegante che vale la pena sia leggere che esibire …

Nella stanza delle letture: Il professore- recensione

Pin it

Grazie alla collaborazione con Fazi Editore abbiamo avuto modo di essere tra i primi a poter leggere Il professore di Charlotte Brontë, nella nuova edizione italiana. Pubblicato per la prima volta nel 1857 postumo, questo è in realtà il primo romanzo scritto dall’autrice del più celebre Jane Eyre. Eravamo davvero curiose di leggerlo: tanto per …

Nella stanza delle letture: Charlotte Brontë, una vita appassionata- recensione

Pin it

Riemergiamo da poco da una lunga e piacevole immersione tra le pagine della biografia “Charlotte Brontë – una vita appassionata”, scritta da Lyndall Gordon e pubblicata da Fazi Editore per l’Italia lo scorso aprile. Si tratta certamente di una biografia diversa dalle altre, in cui la Gordon ci svela una Charlotte che non vorremmo definire …